Ciavatti Dr. Stefano

"La vista è il senso più amato dall'uomo" Aristotele

  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button

Maculopatia

La maculopatia è una patologia oculare a carico della macula, la zona centrale della retina che permette la visione distinta delle immagini e la lettura. La malattia può insorgere con caratteristiche diverse in seguito a infiammazione, infezioni, traumi; può essere associata a miopia elevata e, spesso, può essere di tipo ereditario.

La forma più comune è comunque quella degenerativa legata all'età (DMLE) che compare di rado prima dei 60 anni, ma dopo i 75 anni colpisce una persona su tre. La DMLE si manifesta inizialmente con annebbiamento e distorsione delle immagini, ma poi può progredire fino alla perdita della visione distinta.

Sono descritte due forme: la forma secca o atrofica e la forma umida o essudativa.

La distrofia maculare legata all’età di tipo secco è il tipo più frequente, con circa il 90% dei casi presenta una evoluzione lenta caratterizzata dall'assottigliamento della retina centrale che, essendo poco irrorata dalla rete capillare, si atrofizza progressivamente.

La forma umida o essudativa o neovascolare, al contrario, è caratterizzata da un'anomala crescita di anomali capillari nella retina che, fragili, possono provocare emorragie e raccolte di liquido all’interno della retina. Questa seconda forma ha un'evoluzione più rapida e può portare ad una brusca perdita della vista.

Al giorno d’oggi sono disponili non solo esami capaci di diagnosticare l’insorgenza della maculopatia, ma anche terapie in grado di fermare l’evoluzione di questa malattia degenerativa, il tutto a patto che la diagnosi sia fatta il più precocemente possibile.

Sono consigliate alte dosi di antiossidanti e zinco che possono essere assunti con una dieta mirata o con l'ausilio di integratori alimentari. È poi importante adottare uno stile di vita sano evitando il fumo e tenendo sotto controllo la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo. Per la forma umida è possibile intervenire farmacologicamente per limitare l'aumento dei capillari anomali mediante infiltrazioni intravitreali di farmaci antiangiogenetici oppure con la terapia fotodinamica e la fotocoagulazione laser.

Maculopatia
Share by: